Nato coi baffi

gnoli

Gnoli che in città viene considerato come una delle espressioni più autentiche del Borgo, in realtà giunse da noi a seguito di … una fiumana del Marecchia. Era nato a Verucchio e, ci tiene molto a precisarlo, abitava dentro la Rocca malatestiana (frose come sfollato, dice qualche maligno): Nonostante i natali divenne presto un borghigiano a tutti gli effetti: mise su i mosconi al mare, gestì una trattoria, si appropriò di un perfetto eloquio da bar, divenne tifoso milanista (senza essere berlusconiano)… in realtà Gnoli, Pazzini Giovanni, è ottimo e valente tipografo; anche lui ideatore e prdouttore di popolari calendari.

(tratto da “Calendario 2010″, testi Mario Pasquinelli e Giuliano Ghirardelli; caricature Guido Baldini)